Nel 1970 la prima edizione moderna detta fiera-mostra

Punta a coinvolgere artigiani e commercianti borghettini, anche se presto la piazza diventa decisamente appetibile per gli espositori estemi, grazie alla felice intuizione di affiancare alla visione della merce la possibilita di vendita. Nuovo impulso viene anche dall'idea di reintrodurre il bestiame, ad accentuare l'aspetto agricolo della fiera. I riflettori sono dapprima puntati su un ignaro cavallo 'del paese', ma nel giro di pochi anni ii nuniero di eapi presenti arrivera a 120!